Milano con gli occhi di chi la vede per la prima volta

Per chi, come me, Milano la vive da più di vent’anni per lavoro, diventa difficile comprendere cosa si proverebbe a vederla per la prima volta; Milano è città amata ed odiata per la capacità di essere caos ed ordine nello stesso tempo, un calendoscopio di culture, opportunità, ricchezze e povertà. Nessuno parlerà mai bene di Milano, eppure nessuno dubita che questa città è fucina dell’architettura più europeizzata, è centro della moda mondiale, è culla di una cucina d’autore e di tutte le idee irrealizzabili altrove. Per questa capacità di essere bella e pragmatica, ma quasi mai apprezzata, Milano è stata soprannominata “half good”, vezzeggiativo utilizzato da alcuni stati d’America per descrivere città belle ma poco vivibili. Per questo ho cercato di guardare Milano con occhi diversi; così, arrivato in stazione, ho puntato tutte le strade nelle quali non mi ero mai imbattuto, visitato vicoli e fermato nelle metrò mai viste. Ho pranzato in ristoranti di pesce Milano che non conoscevo, ho cenato in ristoranti indiani, in kebabberie e altri fast food mai visti; ho girato per locali e discoteche cercando di fare il milanese: cosa assai difficile visti i pochi milanesi in giro. Gli occhi da neo visitatore ha funzionato: a Milano, organizzandosi, si vive bene (l’economia gira), si lavora bene (gli imprenditori sono aperti a tutti) e si mangia bene (i Ristoranti Milano sono la rappresentazione di una cultura multietnica dove si può trovare tutto a qualsiasi prezzo).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...